fbpx

Blog Floud

floud food network

Cibo ITALIANO…amore al primo assaggio!!

Le certezze nella vita non sono tante, e questo lo sappiamo bene. Ma una cosa su cui saremo tutti d’accordo, è che il cibo italiano fa da padrone sull’enogastronomia mondiale. Se per gli stessi cittadini italiani il cibo è tradizione, condivisione, quotidianità e identità, per gli stranieri è sicuramente un “canto della sirena” a cui non si può resistere.

Secondo una ricerca realizzata dall’agenzia di comunicazione Klaus Davi & Co., sappiamo che il rapporto tra gli stranieri e il cibo italiano è molto stretto.

Ma quali sono gli alimenti preferiti?

La dieta mediterranea, quella italiana per intenderci, corrisponde al regime alimentare più sano che ci sia, oltre che più buono. Da nord a sud della penisola, passando per le isole, ogni regione ha le sue specialità che vale la pena assaggiare almeno una volta nella vita.

Amato in tutto il mondo, difficile da imitare, così definito all’estero. I principali successi al modo di mangiare all’italiana si riscuotono per i benefici per la salute e la bontà.

Ecco una lista dei cibi più amati, non c’è distinzioni tra il Nord e Sud, e spazia anche tra pesce, carne, condimenti e pane.

  • Non serve nemmeno chiamare in causa l’intero patrimonio culinario italiano, basta nominare lei: la PIZZA. Il cibo in assoluto più riprodotto e amato al mondo, la pizza è senza dubbio la più importante invenzione culinaria italiana. Non c’è posto al mondo in cui non si possa assaggiare. E la versione più amata rimane sempre quella classica napoletana. Talmente buona che all’estero quasi non credono a quanto sia facile, veloce ed economico cucinarla.
  • Il piatto italiano per eccellenza, a pari merito alla pizza, non conosce rivali esteri: la PASTA.                    Non importa come la si prepari, risulta sempre eccellente. Ogni regione, addirittura ogni città, ha i suoi condimenti tipici: pesto alla genovese, amatriciana, norma, ragù. Quattro esempi di una lista infinita. E non dimentichiamoci la pasta ripiena, grandissimo vanto del nostro paese! Date la pasta in mano agli italiani, ne faranno un capolavoro.
  • Troviamo due condimenti al quanto più diversi tra loro possibile: La ‘nduja e il pesto genovese che spopolano, per chi non sanno resistere alla piccantezza del peperoncino e alla dolcezza del basilico.
  • Altro piatto che non ha rivali e che merita il suo sapore è la regina della riviera, la piadina romagnola, definita irrinunciabile, condita in tutte le sue forme.
  • Tra le specialità amate e irrinunciabili troviamo la mozzarella di bufala, amatissima e definita anche oro bianco o perla della tavola, grazie alle pregiate qualità alimentari e gustative del prodotto. La mozzarella di bufala soprattutto quella campana è prodotta in varie forme. La forma tonda prevede le seguenti tipologie: perlina, ciliegina, ovolina, bocconcino che possono variare dal peso di 10 grammi fino a 800 grammi.
  • Troviamo anche una piccola ma preziosa sorpresa gastronomica, soprattutto per i turisti cinesi, il tartufo bianco d’Alba, che sembra essere diventato il gioiello della corona per primi e secondi.
  • Continuando troviamo tra i cibi più amati la fiorentina. La bistecca alla fiorentina è un taglio di carne di vitellone o di scottona che, unito alla specifica preparazione, ne fa uno dei piatti più conosciuti della cucina toscana. Si tratta di un taglio alto comprensivo dell’osso, da cuocersi sulla brace o sulla griglia, con grado di cottura “al sangue”.
  • Rimanendo sempre nel reparto carni, gli stranieri tra il cibo italiano preferito, inseriscono lo speck. Tantissimi infatti i turisti al di là del Brennero che arrivano nei negozietti altoatesini per gustarlo e acquistarlo.
  • Passando invece al pesce, troviamo l’inconfondibile gambero rosso di Mazara, irrinunciabile per chi ama il pesce.
  • Un altro prodotto particolare e dal gusto potente, la bottarga di muggine, forse per confrontarla con il caviale.
  • Altro cibo al quanto buono e ricercato è il pane di Altamura. Molto apprezzato il suo sapore e la caratteristica della sua lunga conservazione.

to be continued…

Lascia un commento