fbpx

Blog Floud

floud food network

“NUTRINFORMARSI: difendersi dalle fake news”

 

“Nutrinformarsi: difendersi dalle fake news” questo è il titolo della Giornata della nutrizione, promossa dal Centro di ricerca alimenti e nutrizione (CREA) il 15 novembre a Roma.

L’obiettivo è L’informazione riguardanti le innumerevoli quantità di false notizie che circolano in ambito alimentare sul latte, sulla dieta senza glutine o sulle false notizie come quelle sul Parmigiano Reggiano e sul Grana Padano censurati dall’Oms. Le informazioni che circolano in rete e sui mass media riguardo a salute e alimentazione possono essere poco attendibili o anche del tutto sbagliate, le fake news così si chiamano le notizie inventate, ingannevoli, distorte a cui purtroppo gli italiani ci credono. Internet fa da forte amplificatore, mettendo in circolo tantissime bufale.

 “L’alimentazione – osserva Giorgio Donegani, esperto di nutrizione e educazione alimentare – è un tema che interessa e coinvolge tutti. Ma a fronte del bisogno di informazioni, per colpa del web e di chi manipola la comunicazione, cresce la confusione che genera incertezza e panico”. 

La scorretta informazione nell’alimentare ha un peso più rilevante che in altri settori perché va a influenzare direttamente la salute, ecco perché l’informazione è alla base per evirare di cadere in queste bufale.

Ecco alcuni esempi comuni:

1. Il glutine è nemico di tutti

Il glutine fa male solo alle persone celiache e sensibili, cioè il 2-3 % della popolazione. Chi non appartiene a questo gruppo, e toglie il glutine dalla dieta perché ha letto qualcosa di sbagliato, commette un errore: sul piano nutritivo rinuncia a proteine vegetali e si espone a una condizione innaturale. L’organismo umano ha bisogno di prodotti con glutine, da migliaia di anni si è ben adattato ad assumerlo.

2. Meglio l’integrale

Una delle ultime è quella sulla farina bianca, messa nella categoria dei ‘veleni bianchi’. Qualcuno dice che farebbe male, perché ha un elevato indice glicemico e viene privata di principi nutritivi e addirittura sbiancata. Non è così. La farina bianca non fa male di per sé, e la sbiancatura ormai è vietata. Nessuno la mangia cruda e a cucchiaiate, ma si assume con altri alimenti, che ne integrano il valore nutrizionale e rendono equilibrati i pasti.

3. Il latte fa male

Altra fake news vuole che il latte sia dannoso perché è un alimento destinato all’accrescimento di cui solo l’uomo, tra gli animali, si ciba per tutta la vita.In realtà il latte di mucca, capra o pecora rientra da migliaia di anni nella dieta umana, al punto che il genoma si è modificato per consentire anche in età adulta la produzione dell’enzima deputato a scindere il lattosio, lo zucchero del latte.

Questa è solo una parte delle tante notizie false che girano sul web e non solo, la giusta informazione è l’unica soluzione contro le fake news.

 

Lascia un commento